Monday 24th September 2018,
AGI Spettacolo

Al Ministro del lavoro On.Luigi Di Maio

angelo 06/22/2018 Commenti disabilitati
Al Ministro del lavoro On.Luigi Di Maio

Roma,   21 giugno 2018

 

 

On. Luigi Di Maio

Al Ministro del Lavoro e delle

Politiche  Sociali

Via V. Veneto , 56  Roma 00187                                                                                                                                                             dimaio_luigi@camere.it

 

Gentile On  Luigi Di Maio,

 

Le scrivo in qualità di Presidente dell’AGI (Associazione Generici Italiani dello Spettacolo), per chiederLe un incontro nella sua funzione di Ministro del Lavoro, al fine di segnalare in maniera dettagliata i forti limiti dei provvedimenti legislativi in materia di welfare attuati dal Job’s Act riguardo ai lavoratori del mio settore, che andrebbero sostanzialmente rivisti.

 

A tal riguardo scrissi già nell’aprile 2015 all’allora Ministro del Lavoro Giuliano Poletti e ottenni nel maggio 2017 tramite la vostra deputata Roberta Lombardi un’interrogazione scritta su tale questione, senza che però la situazione venisse non solo risolta ma neanche affrontata seriamente. Allego entrambi i documenti alla presente, così che possa valutare in maniera più dettagliata. Io resto a disposizione per un incontro, sperando di ricevere da Lei quantomeno maggiore attenzione, convinto sempre che si debba fare il possibile per le categorie più precarie dei nostri lavoratori.

RingraziandoLa fin da subito per la disponibilità,

Un saluto cordiale,

Angelo Ciaiola

AGI – Associazione Generici italiani dello spettacolo – reg. Roma,05 febbraio 1993 – AA.PP. n° C-6727

Cod. Fisc. 96217170586 -  Via G. Porzio, 75 Cap 00148 Roma

association for Extras in the entertainment industry Italy  – Angelo Ciaiola ( presidente) – tel:  - 3284320320

e-mail:  agispettacolo@gmail.com  https://www.agispettacolo.it - agispettacolo@pec.it

Il CINEMA è Cultura e come tale è diffusione, liberazione di saperi è linfa vitale della società.Non c’è Cultura senza rispetto del lavoro e del lavoratore.