Wednesday 28th June 2017,
AGI Spettacolo

MORTE DELLO SPETTACOLO corriere.it del 22 dic.2010

angelo 12/22/2010 Nessun commento

L’AGIS: «MORTE DELLO SPETTACOLO» – Ma è proprio il mondo dello spettacolo quello che reagisce peggio alle notizie che arrivano dal Consiglio dei ministri: «Dopo mesi di proteste di operatori, artisti e associazioni. Dopo la solidarietà espressa da tanti esponenti politici di maggioranza e di opposizione. Dopo la forte manifestazione del Capranichetta, con la quale tutta la cultura ha rivolto al governo un “ultimo appello” a sostegno delle esigenze minime per sopravvivere, oggi il consiglio dei ministri ha totalmente ignorato la richiesta di reintegro del Fus (Fondo unico dello spettacolo) 2011, che resta dunque inchiodato alla cifra improponibile di 258 milioni di euro». Così dichiara Maurizio Roi, vicepresidente dell’Agis. «Con queste risorse – continua Roi – si decreta semplicemente la morte dello spettacolo: fondazioni liriche, teatri pubblici e privati, compagnie. Oggi dunque a Palazzo Chigi si è celebrato un funerale. Come Agis, però, non intendiamo arrenderci e pertanto ci attiveremo subito, innanzitutto per riconvocare il ‘tavolo del Capranichettà al fine di individuare le più efficaci e urgenti iniziative comuni».