Tuesday 22nd August 2017,
AGI Spettacolo

Sentenza n.366422 – Corte di Cassazione

angelo 11/20/2007 Nessun commento
Sentenza n.366422 – Corte di Cassazione

Via Imera, 2 – 00183 Roma – Tel. 06.7740051 – Fax 06.77073048
slc-Iazio@lazio.cgil.it
Sindacato Lavoratori Comunicazione
Roma e Lazio
PIU’ POTERE AI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO, DELLE EMITTENTI, DELLO SPORT, NELLA SALVAGUARDIA DELLE CONQUISTE COLLETTIVE GRAZIE AD UNA IMPORTANTE SENTENZA!
Accade nei periodi in cui le occasioni di lavoro sono più scarse che i lavoratori, in particolare i discontinui,
vengano costretti ad accettare condizioni di lavoro irregolari o semiregolari, comunque peggiorative rispetto a
quelle previste sindacalmente.

Si raccontano tante, troppe storie, di chi ha accettato condizioni vessatorie per lavorare, ma non da chi le ha
accettate, bensì da altri, da quelli che, non accettandole, hanno rinunciato a qualcosa, e spesso il “qualcosa” è il
lavoro. Quasi sempre, invece, i diretti interessati subiscono e tacciono; raramente reclamano i legittimi crediti di lavoro,
e se lo fanno è dopo, ad ingiustizia compiuta.
Sia chi subisce le condizioni vessatorie lavorando, sia chi rinuncia a lavorare per non accettarle, è vittima di un
mercato del lavoro spesso spietato, ai confini della legalità.
Sulla materia interviene però oggi una sentenza della Corte di Cassazione, la n° 366422 del 5 ottobre 2007, che
può esser utile ad abbattere il muro della paura e dell’omertà e a difendere il potere contrattuale individuale.
Vediamo cosa dice nel merito questa sentenza.
Tre datori di lavoro avevano imposto ad alcune dipendenti trattamenti economici inferiori alle
tabelle contrattuali in una situazione di mercato caratterizzata dalla scarsa occupazione, quindi,
tale per cui ribellarsi poteva equivalere a perdere il posto di lavoro.
I tre sono stati processati per estorsione ai sensi dell’art. 692 del Codice Penale, ma assolti in
primo grado per difetto del presupposto di una comprovata minaccia di licenziamento illegittimo
ai danni delle lavoratrici, presumendo cioè che le vessatorie condizioni subite dalle lavoratrici
fossero oggetto di accordo privato tra le parti.
In appello e poi in Cassazione, invece, i tre sono stati condannati perché un accordo privato tra
datore di lavoro e lavoratore che veda l’accettazione da parte di quest’ultimo di una paga
inferiore al minimo stabilito dalla contrattazione e non proporzionata alle ore effettivamente
lavorate non esclude, di per sé, la sussistenza dei presupposti dell’ESTORSIONE MEDIANTE
MINACCIA, trattandosi nel caso di una minaccia larvata, ma non per questo meno grave ed
immanente, di avvalersi di una siffatta situazione di mercato per esercitare un ricatto sul
lavoratore.
La condanna per estorsione prevede una pena da 5 a 10 anni di reclusione e fino a 20 con le aggravanti. E’
quindi del tutto evidente l’effetto deterrente che questa sentenza di alto valore politico può avere nei confronti di quegli imprenditori che, facendo leva sullo stato di necessità e sulla condizione di soggezione del lavoratore,
volessero stabilire condizioni di sottosalario e di rinuncia ad elementari diritti.
Ora possiamo dire che abbiamo uno strumento in più per resistere all’imposizione di rinunce mediante forfait a
perdere, mancette in nero, clausole capestro, sotto il ricatto del prendere o lasciare perché tanto “uno che accetta lo trovo presto”. Questa sentenza infatti afferma un principio importante e ci consegna un forte potere di dissuasione nei confronti di quegli imprenditori spregiudicati che hanno utilizzato e utilizzano le difficolta
occupazionali per limitare l’esercizio dei diritti dei lavoratori e costringerli ad impoverire le paghe di fatto.
Occorre perciò sviluppare una vasta campagna d’informazione volta ad accrescere la coscienza dei lavoratori. Se ognuno di noi si impegna in prima persona, tutti insieme siamo più forti!
Informa, vigila, contribuisci in prima persona a spezzare la morsa del ricatto!
ORGANIZZATI NEL SINDACATO !
SLC-CGIL ROMA E LAZIO
Roma, 15 novembre 2007
Via Imera, 2 – 00183 Roma – Tel. 06.7740051 – Fax 06.77073048
slc-Iazio@lazio.cgil.it
Sindacato Lavoratori Comunicazione
Roma e Lazio