Friday 18th August 2017,
AGI Spettacolo

LETTERA APERTA ALLA RAI

angelo 07/07/2011 Nessun commento

Rai Radiotelevisione Italiana Spa
VIALE MAZZINI,14
00195 ROMAPresidente
Dott. Paolo GARIMBERTI
Direttore Generale
Dott.ssa Lorenza LEI
RAI CINEMA
Presidente
Dott. Franco SCAGLIA
RAI FICTION
Direttore
Dott. Fabrizio DEL NOCE

Egregio Sig. Presidente, Egregio Sig. Direttore Generale, Egr. Sig.Presidente, Egr. Sig. Direttore

in qualità di presidente dell’Associazione Generici Italiani dello Spettacolo invio questa lettera aperta per rappresentarVi che la delocalizzazione crescente delle produzioni seriali sta provocando una sensibile quanto evitabile contrazione occupazionale che danneggia i teatri e i noleggiatori italiani e che colpisce in modo particolare i generici, oltre che i tecnici e le maestranze delle troupes di scena. Dal 2009, infatti, le giornate lavorate da noi generici sono notevolmente diminuite e prevediamo una ulteriore diminuzione per l’anno in corso
Il più delle volte la scelta di location straniere non risponde a reali esigenze di ambientazione scenografica e, comunque, MAI risponde ad esigenze di risparmio dato che i preventivi vengono approvati e finanziati secondo i prezzi di mercato dei listini italiani.
I contribuenti vengono giustamente esortati a pagare il canone per sostenere l’azienda pubblica, ma poi l’azienda pubblica non si impegna ad assicurare ai contribuenti entrate erariali e previdenziali, delocalizzando le produzioni anche quando non sussistono né plausibili motivazioni tecniche, organizzative e produttive, né comprensibili vantaggi economici, per scegliere location estere.
Per cambiare questo stato delle cose, come associazione, inizieremo nei prossimi giorni una protesta a tempo indeterminato, ricorrendo anche allo sciopero della fame, per chiedere il Vostro autorevole intervento verso il Consiglio d’Amministrazione per fermare la delocalizzazione immotivata delle produzioni Rai e per garantire che un minimo di occupazione, di entrate erariali e di contributi previdenziali restino nel nostro paese.
Saranno sensibilizzate sul tema anche le più rappresentative associazioni degli utenti/consumatori.
Nell’attesa del Vostro sicuro e sollecito riscontro porgo distinti saluti.

Roma, 08 luglio 2011
Angelo Cosimo Ciaiola
( presidente )